L'infinito singolare - Patrizia Violi
L'infinito singolare - Patrizia VioliL'infinito singolare - Patrizia VioliL'infinito singolare - Patrizia VioliL'infinito singolare - Patrizia VioliL'infinito singolare - Patrizia Violi

L’infinito singolare – Patrizia Violi

 5.99

L'infinito singolare. Considerazioni sulla differenza sessuale nel linguaggio
Ebook di Patrizia Violi – edizione Ebook @ Women

Abstract
E’ vero, e in che misura, che le donne parlano “diversamente” dagli uomini? Come può un sistema altamente strutturato come la lingua rappresentare al suo interno una dimensione così legata alla realtà extralinguistica?
Queste erano le domande da cui prendeva le mosse questo libro, uscito nel 1986 da Essedue Edizioni, e a cui cercava di trovare risposta rileggendo le riflessioni elaborate all'interno di prospettive e discipline diverse, dall'antropologia alla linguistica alla filosofia.
Dagli anni Ottanta ad oggi la riflessione femminista si è infinitamente sviluppata, anche se alcuni degli interrogativi aperti da L'infinito singolare appaiono ancora attuali. La riproposta del libro in formato ebook può allora avere un interesse mostrando come, dietro l'apparente neutralità del sistema linguistico, siano leggibili in filigrana le tracce di categorie fondamentali della nostra esperienza quali appunto la differenza sessuale. Il sistema della lingua prefigura e fissa all'interno della sua stessa struttura le posizioni che le donne e gli uomini si troveranno poi 'naturalmente' a occupare; ancor oggi la lettura critica ha in primo luogo la funzione di 'denaturalizzare' questi impliciti assunti.

Anno: 2014
Protetto con Social DRM
Isbn: 978-88-98880-13-3

**************************************************************
Ebook disponibile nel formato epub
Se hai bisogno di aiuto, leggi le FAQ
**************************************************************

Descrizione Prodotto

L’infinito singolare. Considerazioni sulla differenza sessuale nel linguaggio
Ebook di Patrizia Violi – edizione Ebook @ Women

Abstract
E’ vero, e in che misura, che le donne parlano “diversamente” dagli uomini? Come può un sistema altamente strutturato come la lingua rappresentare al suo interno una dimensione così legata alla realtà extralinguistica?
Queste erano le domande da cui prendeva le mosse questo libro, uscito nel 1986 da Essedue Edizioni, e a cui cercava di trovare risposta rileggendo le riflessioni elaborate all’interno di prospettive e discipline diverse, dall’antropologia alla linguistica alla filosofia.
Dagli anni Ottanta ad oggi la riflessione femminista si è infinitamente sviluppata, anche se alcuni degli interrogativi aperti da L’infinito singolare appaiono ancora attuali. La riproposta del libro in formato ebook può allora avere un interesse mostrando come, dietro l’apparente neutralità del sistema linguistico, siano leggibili in filigrana le tracce di categorie fondamentali della nostra esperienza quali appunto la differenza sessuale. Il sistema della lingua prefigura e fissa all’interno della sua stessa struttura le posizioni che le donne e gli uomini si troveranno poi ‘naturalmente’ a occupare; ancor oggi la lettura critica ha in primo luogo la funzione di ‘denaturalizzare’ questi impliciti assunti.

Autrice
Patrizia Violi è Professore Ordinario di Semiotica presso l’Università di Bologna, Dipartimento di Filosofia e Comunicazione, e attualmente coordina il Dottorato di Semiotica. Dirige il Centro TRAME, Centro di Studi sulla Memoria e i Traumi Culturali, Università di Bologna. Ha lavorato a progetti internazionali di donne in Palestina e Israele. Attualmente coordina un progetto Europeo su trauma e memoria in America Latina. E’ autrice di volumi e articoli sulla semantica, l’analisi del testo, le forme della soggettività nel discorso con particolare riferimento alle tematiche di genere. La sua ricerca attuale è rivolta soprattutto a temi connessi con le memorie traumatiche: in particolare l’analisi di musei e luoghi del trauma.

Reviews

There are no reviews yet, would you like to submit yours?

Be the first to review “L'infinito singolare - Patrizia Violi”

*